On. Latronico (FI) su Renzi e petrolio

“Il presidente Renzi continua a dichiarare che il petrolio lucano è strategico per rimettere in moto il Paese, ma il suo governo, almeno  fino ad oggi, non mantiene i patti con la Basilicata. Un emendamento a mia firma al decreto legge sulla competitività è stato ritenuto inammissibile (commissione Ambiente ed Attività produttive della Camera) per estraneità di materia pur in presenza di un decreto omnibus dove c’è di tutto”. Lo ha dichiarato l’on. Cosimo Latronico (FI), componente della commissione Bilancio della Camera. “Ci si può trincerare dietro i formalismi quando si vuole, ma se il governo non prende con serietà le richieste di sviluppo del territorio lucano, si limita a fare perorazioni inconcludenti. L’emendamento  presentato disponeva di escludere dal patto di stabilità gli investimenti in conto capitale che la Basilicata avesse realizzato con risorse rivenienti dalle royalties petrolifere. Una norma virtuosa che consentirebbe al Paese di raggiungere i suoi obiettivi di accrescimento delle autonomia energetica sfruttando i propri giacimenti minerari, garantendo d’altro canto alla Basilicata di attivare misure compensative di sviluppo delle attività produttive e delle infrastrutture. Insisterò con il sostegno del gruppo parlamentare di Forza Italia perché si arrivi a questo traguardo capitalizzando tutte le risorse finanziarie rivenienti dal petrolio nella direzione di politiche di reale sviluppo anche con misure di sponda finanziaria per il prossimo programma europeo”.

Roma, 3 Agosto 2014