Il governo intervenga sul Pertusillo

“Ho presentato un’interrogazione urgente al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare al Ministro della salute, in merito a quanto sta accendo alla diga del Pertusillo, un invaso realizzato con lo scopo di rispondere a plurime esigenze, quali lo sfruttamento idroelettrico, l'irrigazione di un vasto territorio tra Basilicata e Puglia, nonché l’approvvigionamento idrico di vaste zone della Puglia, della Campania e di una buona parte della Basilicata” . Lo ha dichiarato l’on. Cosimo Latronico (DI).

On. Latronico (DI) su sopralluogo Pertusillo

"La gestione dei sistemi di monitoraggio e controllo degli invasi lucani a partire da quello del Pertusillo va fatta con rigore e sistematicità, approfondendo tutte le componenti e le cause delle evidenti alterazioni. A vista la diga del Pertusillo si presenta in uno stato di grave ed allarmante degrado a cui è  urgente  porre rimedio. Non ci sono più le acque cristalline di un bacino idrico che colpiva  per splendore e brillantezza alimentato da decine di sorgenti provenienti dai monti del parco della Val d’Agri". Lo ha dichiarato l'on.

On. Latronico (Cor) su diga del Pertusillo

“Non si può attendere un minuto, il governo nazionale deve immediatamente intervenire per accertare con gli strumenti di cui dispone lo stato di inquinamento della diga del Pertusillo in provincia di Potenza. Si tratta di un bacino idrico che invasa 150 milioni di metri cubi  di acqua che proviene da 650 sorgenti sotterranee che alimentano il fiume Agri , che garantisce il fabbisogno idrico potabile di 4 milioni di utenti della Puglia e della Basilicata, oltre che le necessità di irrigazione di miglia di ettari di terreni agricoli”. Lo ha dichiarato l’on.

A POTENZA SI PRESENTA DIREZIONE ITALIA

Si chiama "Direzione Italia", è l’evoluzione dei Conservatori e Riformisti, si richiama al modello dei conservatori anglosassoni e punta a un forte radicamento locale. Dopo il battesimo “nazionale”, avvenuto a Roma a fine gennaio, "Direzione Italia" avvia il processo di strutturazione che interesserà tutta la Penisola. L’appuntamento in Basilicata è per sabato 18 a Potenza, alle ore 18, presso il Park Hotel.

On. Latronico (Cor) su Sogin

“Nei giorni scorsi ho incontrato i vertici Sogin, l’amministratore delegato ed il presidente a cui ho rappresentato la necessità di rilanciare la missione di Sogin e delle società controllate a partire dai centri dislocati in diverse regioni italiane a partire dal quello di Trisaia di Rotondella, in Basilicata”. Lo ha dichiarato l’on. Cosimo Latronico (Cor). “Si tratta di riprendere con vigore progetti come la decommissioning, la messa in sicurezza del materiale nucleare ed il progetto del sito unico nazionale.

On. Latronico (Cor) su Matera 2019

“Sono intervento nuovamente in aula per sollecitare il Governo ad attivare tutte le iniziative negoziali in Europa per istituire  a Matera una zona ad economia speciale. In tale direzione si muoveva un nostro emendamento che prevedeva l'istituzione di una ‘zona economica speciale’ nell'area della città con benefici fiscali e tributari  per le imprese esistenti e per le nuove imprese con particolare riferimento alle iniziative nel settore artistico e culturale”. Lo ha dichiarato l’on. Cosimo Latronico (Cor), componente della commissione Bilancio della Camera.

On. Latronico (Cor) su Titolo abilitazione insegnamento

“La situazione di migliaia di laureati alla ricerca di un titolo di abilitazione per l'insegnamento dovrebbe preoccupare il Ministero dell’Istruzione. Non si può sentire il racconto di migliaia di giovani che ancora una volta sono spinti ad inseguire titoli di abilitazioni all'insegnamento, dopo aver conseguito una laurea, presso istituzioni estere (Bulgaria, Romania, Spagna ) pagando cifre che vanno da 4 a 7 mila euro, a fronte di format formativi on line e periodi di tirocinio  all'estero”.  E’ quanto denuncia l’on. Cosimo Latronico (Cor).

On. Latronico (Cor) su Bonifica Val Basento

“Abbiamo la necessità di affrontare  argomenti, come la bonifica dei siti inquinati, probabilmente con strumenti più efficaci, perché qui stiamo parlando di un'area che dal 2003, tredici anni or sono, è stata individuata come zona da inserire nel perimetro dei siti a grave rischio ambientale da caratterizzare e da bonificare, e in questi  tredici anni siamo ancora agli impegni giuridicamente vincolanti, ma le questioni gravi di un sito chimico inquinato per migliaia di ettari, dove ci sono falde acquifere e ci sono ancora resti di attività industriale, ci sono attività ag

On. Latronico (Cor) su Olivicoltura

“Il governo, per il tramite dei Ministri competenti, darà risposta domani a due interrogazioni presentate nei giorni scorsi, la prima  sulle operazioni di bonifica da attuare sull'area industriale della Val Basento, in provincia di Matera, sito di interesse nazionale, e la seconda sul futuro dell'olivicoltura”. Lo ha dichiarato l’on. Cosimo Latronico (Cor), firmatario di entrambe le interrogazioni.

Pagine

Abbonamento a On. Cosimo Latronico RSS